fbpx
, Architetti, Coworking, Progettare un Coworking

Coworging soluzioni per la privacy

Dei valori e dei vantaggi derivanti dallo svolgere la propria attività in uno spazio di coworking, ne abbiamo parlato diffusamente: la possibilità di generare relazioni e di fare rete, la flessibilità delle soluzioni, ovvero poter modulare il proprio “ufficio” a seconda delle esigenze, con  un servizio all-inclusive. 

A volte le persone possono comunque percepire degli ostacoli, soprattutto di tipo psicologico, nell’immaginarsi a condividere gli spazi  di lavoro.

Sentirsi a proprio agio nell’ambiente di lavoro è sicuramente importante, considerato la quantità di ore che vi si trascorrono. La qualità degli spazi influenza sicuramente la qualità dello stare, quindi è importante la cura nella progettazione degli ambienti e nella scelta degli arredi e complementi.

Chi non ha mai lavorato in un ambiente condiviso o in un coworking, se si sente frenato verso questo tipo di scelta, generalmente lo fa per problematiche  legate alla privacy e agli aspetti riconducibili al confort e al benessere ambientale.

Andiamo con ordine e cominciamo con la Privacy. Proprio in questi giorni la Philips ha progettato un nuovo monitor per pc pensato per aiutare i professionisti a lavorare serenamente negli ambienti condivisi.

Il nuovo Philips 242B1V, monitor LCD da 24”, protegge i dati dal Visual Hacking: si può lavorare in tranquillità, senza preoccuparsi che qualcuno sbirci. La modalità Privacy Mode,  permette la visibilità dello schermo soltanto all’utente posto davanti. In questo modo, mentre dai lati lo schermo appare scuro, se ci si posiziona al centro la qualità dell’immagine è di alta qualità con risoluzione  Full HD 1920 x 1080 e tecnologia IPS. Poi ci sono anche molti altri aspetti interessanti legati al benessere, come la modalità Easy Read che  permette un’esperienza di lettura simile alla carta, il supporto può essere orientato a piacimento, la tecnologia FlickerFree riduce lo sfarfallio ed infine la modalità Low Blue, riduce la dannosa luce blu ad onde corte, in quanto costringe l’occhio ad una continua messa a fuoco per mantenere la visione nitida con conseguente affaticamento visivo. 

Presto altri articoli riguardanti soluzioni legate allo stare bene nel luogo di lavoro.

Ti è piaciuto? Condividi l'articolo!

0Shares
0 0 0

Post Your Thoughts